Matteo Bonazzi

La voce: oggetto estetico e oggetto pulsionale
Una conversazione tra estetica e psicoanalisi

Domenica 16 ottobre 2016, ore 17:30


Matteo Bonazzi, filosofo e psicoanalista, membro di OT/Orbis Tertius dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca e partecipante della Scuola Lacaniana di Psicoanalisi, svolge attività di ricerca presso l’Università degli studi di Milano-Bicocca e insegna alla Sezione Clinica dell’Istituto freudiano di Milano. Oltre a vari saggi, è autore di: Il Libro e la scrittura. Tra Hegel e Derrida (Milano, Mimesis, 2004); Scrivere la contingenza. Esperienza, linguaggio, scrittura in Jacques Lacan (Pisa, ETS, 2009); (con F. Carmagnola), Il fantasma della libertà. Inconscio e politica al tempo di Berlusconi, (Milano, Mimesis 2011); El lugar político del inconsciente contemporáneo (Buenos Aires, Grama, 2012); Lacan e le politiche dell’inconscio. Clinica dell’immaginario contemporaneo (Milano, Mimesis 2012); (con D. Tonazzo), Lacan e l’estetica. Lemmi (Milano, Mimesis 2015). Ha curato l’edizione italiana di J. Alemán e S. Larriera, L’inconscio e la voce. Esistenza e tempo tra Lacan e Heidegger, (Milano, et al/Edizioni, 2009); (con M. Barenghi), L’immaginario leghista. L’irruzione delle pulsioni nella politica contemporanea (Macerata, Quodlibet, 2012); per la Scuola Lacaniana di Psicoanalisi, L’inconscio è la politica, Quel che sfugge allo sguardo, Col crimine nasce l’uomo (Mimesis, Milano 2014).